Castello di San Niceto

In cima ad un ripido colle a forma di tronco di cono, a dominio dello Stretto di Messina, possiamo ammirare i ruderi del Castello di San Niceto, una fortificazione medievale, costruita su uno sperone roccioso dai bizantini a difesa dalle scorribande saracene.

Visitarlo stimola i richiami del passato, quando all’interno della cinta muraria fremeva l’attività di uno dei meglio attrezzati fortilizi dell’intera Calabria. Ma nello stesso tempo una visita a S. Niceto offre la scoperta di bellezze naturali straordinarie, con panorami che spaziano sulle ultime propaggini aspromontane fino a Capo D’Armi, sull’Etna e sullo Stretto di Messina. Risalente al periodo bizantino, la fortezza di S. Niceto rappresenta un raro esempio di architettura alto medievale in Calabria. Il castello presenta una pianta irregolare, che ricorda la forma di una nave con la prua rivolta alla montagna e la poppa al mare. Oggi restano ben visibili le mura di cinta, in parte franate, ma in certi tratti quasi intatte, la porta d’ingresso con le due torri quadrate e resti di altre torri ed alcuni ruderi all’interno della cinta, come quelli di un’imponente cisterna per la raccolta dell’acqua.

La Storia

Il castello fu costruito come luogo di avvistamento e di rifugio per la popolazione reggina, in seguito all’intensificarsi delle scorribande saracene lungo le coste calabresi e siciliane. Con il passaggio della Calabria sotto il dominio dei Normanni, che conquistarono la fortezza intorno all’anno 1050, tale struttura fu ristrutturata ed ampliata con l’aggiunta di alcune torri rettangolari. Da questo momento vennero scritti documenti che ne danno notizia. Nel corso del XIII secolo il castello divenne il centro di comando del fiorente feudo di San Niceto che nel 1200 fu tormentato dalle guerre tra Angioini ed Aragonesi che si avvicendavano sul territorio reggino e, come molte altre zone della Calabria, passò in diverse mani; nel 1321 fu consegnato agli Angioini. Nel 1434 San Niceto diventa baronia e domina sui territori di Motta San Giovanni e Montebello (un riferimento antecedente a Motta San Giovanni si trova in un documento del 1412). Con il passare del tempo San Niceto perse progressivamente potere entrando in conflitto con la città di Reggio e per tale motivo fu distrutto nel 1459 dal duca Alfonso di Calabria. San Niceto, dunque, cadde definitivamente per mano dei Reggini appoggiati dagli Aragonesi, definitivi vincitori della secolare lotta contro gli Angioini. In un documento del 1604 San Niceto è detto appartenere alla Baronia di Motta San Giovanni.

Ubicazione: Contrada Sant’Aniceto, Motta San Giovanni.

COME ARRIVARE AL CASTELLO: da Motta, 2 km dopo il Paese, in Località S. Basilio, girare a sinistra e seguire le indicazioni che in poco più di 3 km portano al castello.

Fonte: https://www.comunemottasg.it/index.php/il-paese/la-citta-68389/il-castello-santaniceto-64843

Leave Your Comment

Newsletter

Pro Loco del Comune di Motta San Giovanni

Info

INDIRIZZO: Via Maurizio Gucci, 7 c/o Centro Sociale “P. Capua” Lazzaro
MAIL: info@prolococomunemottasg.it
PEC: prolococomunemottasg@pec.it

© 2021 Pro Loco del Comune di Motta San Giovanni | C.F. 92004290802 | P.IVA 02737670808 | Powered by Simone Irto in collaborazione con i Volontari del SCU 2021-2021: Chiara Vadalà - Giovanna Marcianò - Anna Marrara - Demetrio Ambrogio